Un mulino a vapore, una folla straordinaria, un veneto carismatico – prima parte.

A seguito del mio articolo sul Paesino, e grazie alla disponibilità di don Giancarlo e del signor Prata, archivista della parrocchia, ho potuto visionare con attenzione una immagine rarissima e per me straordinaria, risalente al 25 gennaio 1903:

baricella mulino ciminiera tonello 1903 1 copia

“Conferenza contro la democrazia cristiana, tenuta a Baricella (25 gennaio 1903) dal maestro A.T. Tonello” (Riproduzione, da negativo conservato presso l’archivio parrocchiale di Baricella)

A colpo d’occhio mi risulta difficile riconoscere il mio paese; la torretta merlata posta sullo sfondo, al centro, mi aiuta: si tratta della torre presente nel cortile di villa Boschi. La mura a destra, sotto agli abeti, è ancora oggi uguale: delimita il lato nord di via Ungarella, al confine col parco della villa. In alto a sinistra, nascosta dietro ai rami, ecco la ciminiera che già mi aveva incuriosito.

Ma tutto il resto? A parte l’insolito edificio, il “Molino a vapore”, cos’è quella folla incredibile? Non ho mai  visto nulla di simile, a Baricella!

Guardando bene i dettagli, noto la varietà dei copricapi, quasi tutti maschili: c’è anche un colbacco:cappelli

Al margine sinistro trovo un bel lampione a gas:lampione

La folla riempie ogni spazio, c’è chi si spinge a correre qualche rischio pur di stare in prima linea:torre persone sul tetto

Si tratta di un comizio. Ecco il palco, le bandiere, l’oratore in piena azione:tonello bandiere

Questa foto mi interessa sotto più punti di vista: del “mulino” so che più o meno si trovava nella zona compresa tra via Ungarella e l’attuale negozio “Despar”, ma credevo fosse situato più a ovest, verso il fondo dello stradello parallelo a via Ungarella. La foto mostra anche che esso affacciava su una piazza: non esisteva quindi nessun edificio tra il palazzo del Municipio ed il mulino. Mi chiedo quando siano stati costruiti gli edifici che oggi ospitano l’ufficio postale ed il bar.

Il lampione visibile a sinistra mi aiuta a situare il punto di ripresa: la parete su cui è affisso non è visibile, poichè la fotografia è stata scattata da un punto allineato col piano della parete. Mi par di capire che il lampione fosse collocato sul lato nord dello stabile di via Roma 199,  (il negozio Despar) e deduco quindi che la ripresa sia stata effettuata dalla finestra al primo piano dello stabile di via Roma 70, proprio sopra la porta di ingresso.
Ho fatto questi due montaggi, giusto per chiarire la mia ipotesi (grazie Google maps!):via roma 199via roma 70

Oltre all’aspetto topografico, c’è ben altro in questa fotografia: per esempio quella didascalia in bella calligrafia, di che parla? Ma la Democrazia Cristiana non l’aveva fondata don Sturzo nel 1942? …e la “nostra” foto è del 1903! Mi sconcerto da solo per la mia ignoranza, ma grazie a san Google trovo qualche chiarimento. Chi fosse interessato a conoscere il quadro politico degli anni a cavallo tra ‘800 e ‘900 troverà un bel sunto qui.

A questo punto, resta un mistero: chi era quell’oratore barbuto, in grado di riempire fino allo straripamento la piazza del mulino?

tonello ghost

e qui la storia si fa interessante…

/segue/

Annunci

Cos’è, cosa non è

L’amica Giuditta mi scuote dalla pigrizia, sottoponendomi la foto “caso” del capodanno: Reveller in Manchester on a New Year night out, di Joel Goodman.

New Years Night revellers

© Joel Goodman – 07973 332324 . NO SYNDICATION OR ONWARD SALE PERMITTED . 01/01/2016 . Manchester , UK . Police detain a man whilst another lies collapsed in the road . Revellers in Manchester on a New Year night out at the clubs around the city centre’s Printworks venue . Photo credit : Joel Goodman

Ne hanno parlato e scritto tutti, davvero, pareri intelligentissimi, illuminanti, e punti di vista banalotti e superficiali.

Io ho letto qualcosa, su questa fotografia, senza appassionarmi troppo, devo dire, senza nulla togliere alla foto, che è davvero straordinaria.

Vorrei usarla per ripetere un ragionamento che ho fatto altrove, e che forse qualcuno potrebbe trovare interessante. Il tema è: come si valuta una fotografia come questa? Ecco cosa ho scritto a Giuditta:

Paragonando questa foto alla pittura classica credo si dovrebbe tener conto di una fondamentale differenza tra le due discipline: la pittura è creata, la fotografia invece è raccolta. È una banalità, apparentemente, ma sposta l’attenzione dalla superficie dell’immagine (foto o dipinto) al processo mentale dell’autore: il pittore immagina, poi monta su un supporto, le cose come vuole siano viste. Il fotografo, questo tipo di fotografo, va a pesca: usa intuizione, esperienza, cultura, per individuare la zona ed il momento giusto per gettare la rete, sperando di indovinare il momento in cui qualcosa di significativo avverrà. Raramente poi gli eventi accadono nel modo previsto o sperato, ma ciò non è importante: se i soggetti inquadrati si dispongono simultaneamente, e in sincrono con l’apertura dell’otturatore, in un modo interessante, equilibrato, rivelatore, o con un’alta qualità imprevedibile, allora quella fotografia avrà la capacità di colpire l’occhio del lettore. Aldilà delle capacità di preveggenza del fotografo, ciò che determina il successo di fotografie come questa, è la vita, vero autore di questa rappresentazione.


Questa foto, direi anzi: ogni foto, non è paragonabile, nella sostanza, ad un dipinto, dal momento che gli elementi che la compongono non sono stati disposti ad arte dal fotografo, bensì raccolti dalla macchina mentre si verificavano simultaneamente. Come sempre, la fotografia incorpora il concetto di tempo, assente dall’opera pittorica.

La disposizione simultanea delgi elementi, contestuale allo scatto, fa pensare alla storiella della scimmia che batte a caso sulla tastiera e ottiene la Divina Commedia.


Però… però… siamo sicuri che la foto avrebbe avuto meno valore se qualche elemento si fosse disposto in maniera differente, magari meno esteticamente gradevole, o meno in grado di richiamarci alla mente capolavori rinascimentali?
Non sarebbe stata comunque la registrazione di un estratto di tempo, di una fettina infinitesimale di secondo, di vita? Avrebbe avuto meno dignità se, putacaso, un personaggio importante di questa composizione si fosse, proprio un attimo prima dello scatto, girato di spalle, o avesse strizzato il viso in una qualche sgradevole smorfia? E’ corretto valutare una fotografia con criteri adatti alla pittura?

Well street Manchester

Dantzic St – Well St, Manchester. Da Google Maps

Foto di famiglia (altrui).

Proprio un anno fa trovai ad un mercatino dell’usato una scatola piena di negativi 6×9, parte in vetro e parte in pellicola. Non c’erano molte indicazioni scritte, tranne “Vita contadina – Puglia” su un foglio di carta bruna che incartocciava parte dei negativi.

40
Le immagini erano una cinquantina, molti ritratti a figura intera, qualche gruppo. Li comprai, nonostante mi sembrasse improbabile l’ipotesi di risalire alle storie delle persone inquadrate .

30
Ora sto riguardando quelle fotografie: le trovo bellissime, immagini evidentemente estratte da vite e vicende signorili, ma senza eccessi. Scattate durante rilassate situazioni familiari, o momenti di svago, ma sempre con la consapevolezza del ritratto: con dignità. Queste fotografie sono state prodotte per realizzare e tramandare ricordi: perchè i soggetti avrebbero dovuto imbruttirsi con smorfie “simpatiche”?28
In mancanza di parole d’accompagnamento, le foto falliscono lo scopo di testimonianza di quelle vite. Eppure importanti dettagli riescono a parlarci, pur senza compiere frasi distinte.

Ecco qualche foto, con l’ingrandimento di alcuni particolari. Se qualcuno riconoscesse i luoghi, o le persone, o rilevasse qualche indizio interessante, lo prego di farmi sapere.36

46

33

33

Silvia as an ucrainen prostitute

Silvia as an ucrainen prostitute

11

15

15

34

3

21

25

1_resize

 

Le mie impressioni sulle mostre di FOTO/INDUSTRIA – parte 2

(Segue da qui)

Hein Gorny: Cigarettes

Hein Gorny: Cigarettes

Gorny: le foto di Gorny arrivano dalla Germania degli anni ’20 e ’30, gli anni del Bauhaus, del razionalismo. queste foto iper-ordinate, schematiche, seriali, mi hanno fatto pensare a quali dovessero essere gli ideali del pubblico a cui erano dirette, i consumatori tedeschi. Forse in una popolazione così intrisa di razionalità mancano gli anticorpi per fronteggiare il diffondersi di una patologia ultranazionalista? Hitler salì al Reich nel ’33, i tempi erano quelli.
Voto: brrr, che freddo!

——————————-

——————————-

JSN46_book_CMYK[1]

Sangik Noh: un chirurgo racconta, attraverso fotografie proprie o scattate dai pazienti, delle battaglie contro il cancro. Immagini scostanti, testi deprimenti, guerre di mesi o anni, esiti spesso infausti, che hanno fatto sì che io mi chiedessi se valga la pena di combattere. Molti dei pazienti, coreani di una certa età, sono entrati in contatto col terribile agente arancio, un diserbante per usi militari, utilizzato dalle truppe inglesi e americane in diversi conflitti nell’est asiatico per distruggere zone boschive, allo scopo di lasciare allo scoperto le truppe nemiche. A distanza di cinquant’anni, gli effetti ancora uccidono.
Voto: paura.

——————————-

——————————-

01-0[1]

Hong Hao: collages tecnologici di oggetti passati per le mani dell’artista, raccolti in base a qualità varie: forma, colore, categoria merceologica, temi politici. Mi hanno molto divertito: l’esperienza di perdersi nella ricerca dei dettagli è davvero euforizzante. Nel contempo, viene da chiedersi se non viviamo di ridondanza: di quanti oggetti avremmo davvero necessità? e di quanti ci facciamo invece riempire le case, le menti, in cambio delle nostre ore-lavoro?
Voto: n!

——————————-

——————————-

OR_077[1]

Kathy Ryan: se sei la responsabile dei servizi fotografici del New York Times Magazine, i tuoi scatti, ben composti (troppo) e ben ripassati coi filtri di Instagram, forse interesseranno a qualcuno. Magari qualcuno comprerà anche il tuo libro da 22 dollari e dieci cents. Personalmente, non trovo interessante un “fotografo” che parla di troppi temi diversi, con troppi stili diversi, riecheggiandone mille. Mi dà l’impressione di non saper cosa dire, ma di voler parlare comunque.

All’ingresso della mostra, un display elettronico a messaggio scorrevole mostra brevi testi ripresi dall’agenda dell’autrice. Tra questi “Telefonare a R. Frank“, che è stata la cosa più emozionante che ho visto.
Voto: ma per favore.

——————————-

——————————-

Léon Gimpel: Paris, les illuminations de l’Exposition, en direction du Trocadéro,Léon GIMPEL,21 octobre 1937

Léon Gimpel: Paris, les illuminations de l’Exposition, en direction du Trocadéro – 21 octobre 1937

Gimpel: piccole lastre diapositive Autochrome, autentiche magie, all’epoca dello scatto, realizzate con tecnologia che oggi sembra fin troppo casalinga, essendo basata sulla fecola di patata. Eppure queste immaginette testimoniano tutta la meraviglia di Parigi in quegli anni, illuminata da tubi al neon, anch’essi invenzione di recentissima acquisizione. Anche le piccole dimensioni di queste lastre (le stesse utilizzate per le riprese, non ingrandimenti) contribuiscono alla riuscita della magia, richiedendo all’osservatore di avvicinarsi, escludendo così tutto il mondo di contorno. Un tuffo nel buio brillante.

Voto: piccole e immense.

——————————-

——————————-

Collezione Savina Palmieri

Collezione Savina Palmieri

Resterebbero le due mostre ospitate presso la sede del MAST, la collezione di libri fotografici dedicati al mondo del lavoro, e i vincitori del concorso GD4PHOTOART.

La collezione, di proprietà di Savina Palmieri, ha il solo difetto di… esser sotto vetro. Adoro i libri d’epoca e le fotografie di fabbriche, averli lì ad un metro, ma inesorabilmente aperti su una sola doppia pagina, è stato un vero supplizio di Tantalo. Sono corso a casa con qualche idea malsana, prontamente controllata una volta verificati i prezzi.

Alle fotografie di Óscar Monzon, Marc Roig Blesa, Raphael Dallaporta, Madhuban Mitra & Manas Bhattacharya ho dedicato un po’ meno tempo del necessario, durante una visita guidata dai tempi un po’ accelerati. Mi propongo di rimediare nei prossimi giorni, gli ultimissimi della ricca manifestazione.

Questo è un tramonto.

(segue da qui)

Si può dire che una qualsiasi di queste Foto Meravigliose abbia un senso, una ragione minima di essere, che valga il tempo per realizzarla, e poi quello per essere osservata? Naturalmente la risposta è personale, soggettiva.

Ma secondo me, no.

Io utilizzo empiricamente un metodo semplice per valutare se una fotografia abbia un senso: me la immagino tra cent’anni, osservata da un uomo qualsiasi, dotato di quel minimo di interesse necessario a curiosare tra le infinite cianfrusaglie, digitali o no, che periodicamente potrebbero riafforargli davanti, forse su un banchetto di mercatino multimediale. Che informazioni specifiche contiene una di quelle foto? Provo a leggerla:

“il sole scende oltre l’orizzonte, il colore del cielo si sposta verso il rosso, le nuvole appaiono scure perchè sono illuminate da dietro. E’ bellissimo!”.

Ma perchè, non lo sapevo già prima? cosa mi ha spostato dedicare trenta secondi alla lettura di questa foto? cosa mi ha rivelato? cioè, veramente l’autore della foto pensava di mostrarmi in modo originale, come solo lui lo aveva interpretato, un fenomeno a cui assisto ogni volta che lo desidero?
Un “tramonto” fotografico, in assenza di altri elementi, di altre informazioni, non è fotografia di paesaggio, perchè non svela, non rivela, non insinua. E’ più illustrazione che fotografia. Poi, oh: se qualcuno vi paga, per foto così, va benissimo eh? Ecco trovato il senso.

Ciao

Autoritratto con S. Verona, gennaio 2015

Autoritratto con S.
Verona, gennaio 2015

Ciao, sono Gaetano, Gae, o “Kiodo”, come mi chiamano. Sono nato nel 1960.

Mi interessa la fotografia.
Mi piace, inoltre, menarmela un sacco sul perchè e sul percome si fotografa.